Linde Material Handling presenta i nuovi carrelli VNA

14-set-2017

Più alti, più veloci, più confortevoli e più sicuri allo stesso tempo

Essi portano letteralmente la movimentazione dei pallet e il commissionamento in corridoi stretti ad un nuovo livello: i nuovi carrelli della serie K della Linde Material Handling impressionano i clienti con altezze di sollevamento fino a 18 metri e una migliore ergonomia, offrendo allo stesso tempo prestazioni e sicurezza notevoli grazie all'innovativo sistema "Dynamic Reach Control", che compensa in modo efficace le oscillazioni del montante.

I maggiori requisiti di stoccaggio e l'aumento dei prezzi immobiliari consentono alle aziende provenienti da svariati rami industriali di affrontare la questione su come utilizzare in modo ottimale il prezioso spazio di stoccaggio. Nella ricerca di una risposta, lo sguardo degli specialisti della logistica si sposta sempre più in alto, al di sopra del "magico" segno di 17 metri. Di conseguenza, aumentano le esigenze di apparecchiature da magazzino a causa del fatto che gli operatori del magazzino devono essere nella condizione di potersi affidare all'ergonomia, all'efficienza e alla sicurezza, soprattutto lavorando ad elevate altezze di sollevamento.

A tal proposito rientrano esattamente i nuovi carrelli combi per corridoi molto stretti della Linde. La comprovata serie K è stata decisamente migliorata per molti aspetti.

La nuova generazione di carrelli K offre un notevole valore aggiunto in termini di prestazioni: ad esempio, il sistema di sollevamento principale per la cabina di guida e il sistema di sollevamento secondario per le forche possono essere sollevati e abbassati contemporaneamente. Il vantaggio che ne deriva: il conducente e le forche raggiungono la posizione di scaffalatura desiderata più velocemente, aumentando in modo significativo la produttività. Inoltre, i nuovi carrelli combi VNA di Linde possono operare ad altezze fino a 18 metri, garantendo una maggiore sicurezza. Ciò è dovuto principalmente ad una tecnologia innovativa chiamata Dynamic Reach Control (DRC). Un azionamento elettrico con capacità di reazione rapida compensa le oscillazioni dei montanti mediante movimenti contrari mirati. Il conducente non deve aspettare che il montante smetta di oscillare quando preleva o movimenta i pallet, e quindi può posizionare il carico sulla scaffalatura più velocemente e con precisione. Grazie ad un attacco completamente nuovo e al sistema Dynamic Reach Control, la produttività del magazzino può essere aumentata fino al 25% rispetto ad un sistema senza sensori opzionali per il riconoscimento del carico.

carrelli elevatori da magazzino Linde

I nuovi carrelli Linde VNA possono ora funzionare ad altezze fino a 18 metri con maggiore sicurezza garantita, principalmente grazie al sistema "Dynamic Reach Control (DRC)".

Un secondo esempio del valore aggiunto e delle maggiori prestazioni è la cabina del conducente, che ora è 50 millimetri più bassa rispetto ai modelli precedenti e - oltre all'altezza inferiore dell'entrata - offre anche ai conducenti più alti, più spazio per le gambe e libertà di movimento. A bordo ci sono anche numerosi vani portaoggetti per oggetti personali e un contenitore per bottiglie da 1,5 litri. Il parabrezza anteriore, ampliato di 80 millimetri verso il basso, offre una migliore visibilità (+ 20%) delle forche e del carico. Ciò aiuta a prevenire in modo efficace danni a scaffalature e merci.

carrello elevatore da magazzino Linde

I nuovi carrelli K della Linde Material Handling hanno impressionato i clienti grazie a sollevamenti fino a 18 metri e ad una migliore ergonomia, offrendo contemporaneamente prestazioni e sicurezza notevolmente migliorate.

Un'altra nuova funzionalità nella cabina del conducente è il pannello di controllo digitale: la centralina di comando ben visibile visualizza tutti i dati rilevanti su un display completamente grafico: dalla velocità di viaggio o dall'altezza di sollevamento alle informazioni fornite da importanti sensori di sicurezza. Inoltre integra due sensori manuali e un grande interruttore “uomo morto” sul fondo, che il conducente deve toccare per poter spostare il carrello. La funzione "Allarme di salvataggio" opzionale fornisce una maggiore sicurezza. Se i vari sensori sul dispositivo percepiscono un comportamento insolito del conducente (ad esempio, sosta nella stessa posizione ad elevata altezza di sollevamento per un lungo periodo), il sistema attiva un allarme visivo ed acustico a due stadi. Dal momento che due magazzini non sono simili, nella sua ultima generazione di carrelli VNA, Linde si basa sulla massima modularità. Ad esempio, i clienti possono scegliere tra 64 diverse varianti di montanti di sollevamento o possono scegliere una delle dieci larghezze di cabina in due diverse versioni - a seconda delle esigenze individuali da soddisfare sul campo. Nessun altro produttore offre attualmente una varietà comparabile di opzioni in questo segmento.