Carrelli elevatori antideflagranti a marchio Linde Material Handling con struttura progettata per prevenire le esplosioni
Potenza logistica sicura grazie alla protezione antiesplosione

Carrelli elevatori antideflagranti

Carrelli elevatori antideflagranti sicuri, efficienti ed ergonomici in qualsiasi ambiente

Nei reparti di produzione di molte industrie si creano, come effetto collaterale, miscele di gas, vapori, nebbie o nubi di polvere potenzialmente esplosive. Questo è il caso, ad esempio, dell'industria farmaceutica e chimica, dei settori della carta e della stampa e delle attività di lavorazione dei cereali o dello zucchero. In questi settori, i carrelli elevatori devono garantire la massima protezione contro le esplosioni, al fine di evitare incidenti.

Numerosi carrelli elevatori elettrici o con motore diesel, transpallet e altri carrelli da magazzino Linde sono pertanto disponibili in versione antideflagrante. In questo modo, all'interno di un'impresa l'intero flusso di materiale può essere gestito in condizioni assolutamente sicure. I componenti del carrello elevatore che possono generare scintille, ad esempio parti del sistema di trazione, ruote o forche, sono incapsulati, sigillati o realizzati in materiali sicuri.

Inoltre, la temperatura superficiale dei singoli componenti dei carrelli antideflagranti viene regolata per evitare esplosioni. Grazie all'equipaggiamento supplementare, questi modelli speciali di carrelli elevatori rispecchiano in pieno le caratteristiche tipiche di Linde, come i bassi consumi, l'efficienza produttiva e la struttura ergonomica.

A norma nelle aree a rischio di esplosione

I requisiti di legge per la protezione dalle esplosioni si applicano sia a livello europeo che nazionale. Di conseguenza, sono sempre più numerosi i requisiti tecnici che è necessario rispettare per i carrelli elevatori. Per i dispositivi di protezione antideflagrante dei carrelli elevatori e transpallet, Linde segue la suddivisione in zone di pericolo e crea modelli di carrelli antideflagranti differenti a seconda della tipologia della zona:

  • carrelli elevatori con protezione contro le esplosioni G2: adatti all'utilizzo nella zona 1 ATEX classificata come area in cui sono più probabili le esplosioni a causa (esplosioni probabili);
  • carrelli elevatori con protezione G3: da utilizzare nelle zone 2 ATEX dove la concentrazione di gas esplosiva si verifica raramente e solo per brevi intervalli;
  • carrelli antideflagranti con vasta gamma di protezioni: per l'utilizzo in zone 21 con concentrazione costante di polveri pericolose o zone 22 con occasionale concentrazione di polveri esplosive.

Carrelli antideflagranti progettati secondo gruppi di esplosione e classi di temperatura

Per la costruzione di carrelli elevatori con protezioni antideflagranti, gli ingegneri Linde impiegano tecnologie basate su gruppi di esplosione e classi di temperatura predefinite: a seconda delle potenzialità di esplosione di una sostanza, questa viene assegnata a un gruppo specifico. Le sostanze che si trovano nei gruppi di esplosione superiori, come idrogeno o gas acetilene, richiedono misure protettive speciali da applicare ai carrelli elevatori. Queste sostanze vengono pertanto suddivise secondo il valore della temperatura da cui diventano esplosive, come concentrazione di gas o nebbia. Di conseguenza, diversi componenti dei carrelli elevatori e dei transpallet devono essere raffreddati.

Misure di protezione antideflagranti nei carrelli elevatori elettrici per le categorie di protezione 2G e 3G

Incapsulamento

Per impedire la generazione di scintille da parte dei carrelli elevatori elettrici Linde, tutti i componenti elettrici, come ad esempio i motori di trasmissione, sollevamento, pompa e sterzo e le parti di comando elettroniche come relè, contaore o indicatore della capacità della batteria, sono incapsulati in alloggiamenti a tenuta.

Avvitamento

Gli allacci dei cavi ai componenti vengono sempre eseguiti con collegamenti a vite appositamente omologati, con l'inserimento di batterie, accoppiatori e innesti certificati.

Rivestimento

Nei carrelli elevatori antideflagranti nei transpallet, le punte delle forche di sollevamento sono rivestite con una lega di ottone o acciaio inossidabile, in quanto entrambi i rivestimenti sono in grado di impedire la generazione di scintille, ad esempio in caso di collisione con uno scaffale metallico.

Monitoraggio della temperatura

La temperatura dei carrelli elevatori è costantemente monitorata. Al raggiungimento della temperatura limite consentita viene ridotta la velocità di funzionamento oppure il mezzo viene arrestato. Dove possibile, vengono montati su assali e motori dei dissipatori di calore in alluminio e magnesio che aiutano a ridurre la temperatura e di conseguenza aumentano la disponibilità dei carrelli elevatori.

Trattamento antistatico

Le scintille possono essere generate anche dal processo di ricarica statico dei carrelli elevatori. Sedili, componenti in plastica della cabina e gomme sono quindi progettati per essere conduttivi. I cerchioni sono parzialmente non rivestiti per deviare le cariche a terra. I comandi elettrici in cabina sono progettati per funzionare con tensioni di esercizio più basse, in modo che possano essere utilizzati i componenti originali Linde.

Misure di protezione antideflagranti nei carrelli elevatori diesel per le categorie di protezione 2G e 3G

Incapsulamento

Le unità di trazione dei carrelli elevatori bruciano combustibili infiammabili e nel processo vengono generate alte temperature, ad esempio sui componenti del motore e nei gas di scarico. Pertanto, nei carrelli elevatori di questa gamma, l'intero motore è incapsulato per evitare esplosioni. L'impianto elettrico centrale per il motori, comandi, la batteria di avviamento, lo starter e l'alternatore sono allo stesso modo pressurizzati.

Controllo della temperatura

I sistemi di trasmissione dei carrelli antideflagranti sono dotati di un dispositivo di arresto automatico, in grado di fermare il motore se l'acqua di raffreddamento o di scarico supera la temperatura limite ammessa, se la velocità diventa troppo elevata oppure se la pressione dell'olio lubrificante nel motore è troppo bassa.

Chiusura ermetica

Nei punti in cui il gruppo motore ha un collegamento meccanico con l'esterno, devono essere adottate misure protettive speciali. Ad esempio, vengono impiegate guarnizioni di tenuta a luce ridotta per gli alberi a gomito su entrambi i lati dell'unità, con l'asta di livello dell'olio avvitata e un sistema di ventilazione del monoblocco separato.

Raffreddamento

I motori diesel dei carrelli elevatori antideflagranti Linde dispongono di un sistema di raffreddamento dei gas di scarico che dissipa il calore accumulato in questi gas, tramite l'acqua di raffreddamento, per mezzo di uno scambiatore di calore. Nel sistema di scarico è, inoltre, installato un parascintille testato, mentre nel condotto di aspirazione dell'aria al motore è integrato un rompifiamma collaudato.

Accessori speciali per la protezione antideflagrante

I modelli di carrello elevatore antideflagranti possono essere dotati di accessori speciali opzionali, disponibili anche per i carrelli elevatori tradizionali Linde. Le funzioni ad alimentazione elettrica, come motorini del tergicristallo, fari di lavoro, Linde BlueSpot o fari lampeggianti vengono allo stesso modo sigillati con una protezione antideflagrante.

Nella produzione di numerosi settori industriali si generano come effetto collaterale miscele di gas, vapori, nebbia o nuvole di polvere esplosive. Questo è il caso, ad esempio, dell'industria farmaceutica e chimica, dei settori della carta e della stampa, ma anche delle attività di lavorazione dei cereali o dello zucchero. Carrelli elevatori per l'intralogistica devono garantire in tali imprese la massima protezione antiesplosione per evitare incidenti.

Numerosi carrelli elevatori a contrappeso, carrelli retrattili, stoccatori e transpallet di Linde Material Handling vengono offerti per questo in versioni antideflagranti a prova di esplosione. In tal modo l'intero flusso di materiale in un'impresa può essere eseguito in condizioni antiesplosione. I componenti che possono generare scintille, ad esempio parti del sistema di trasmissione, ruote o anche forche di sollevamento, sono protetti da un trattamento delle superfici.

Inoltre, la temperatura superficiale dei singoli componenti dei carrelli elevatori viene regolata per evitare un riscaldamento eccessivo. Nonostante la dotazione supplementare i carrelli elevatori mantengono economicità, frequenza di movimentazione e struttura ergonomica tipiche di Linde.

A norma nelle aree a rischio di esplosione

I requisiti di legge per la protezione antiesplosione vengono continuamente sviluppati e standardizzati. Tali modifiche devono essere applicate tempestivamente e correttamente. Nei carrelli elevatori e negli apparecchi per la tecnica di magazzino con dotazione antiesplosione di Linde i carrelli elevatori stessi e la relativa documentazione sono al passo con la legislazione più recente. Sono conformi alle disposizioni UE per l'utilizzo in aree a rischio di esplosione (EN 1755) e alla Direttiva ATEX 2014/34/CE.

La conformità CE viene garantita dall'applicazione di norme armonizzate nel processo di sviluppo. Tutti i componenti, gli apparecchi e le unità costruttive rilevanti nonché l'intero carrello elevatore vengono sottoposti a una prova del prototipo o certificati da un ente di certificazione noto accreditato. Linde offre carrelli elevatori per l'utilizzo in atmosfera a rischio di esplosione che viene causata da gas, vapori o polveri e si sviluppa durante il lavoro normale occasionalmente (zona 1/zona 21) o soltanto per breve tempo (zona 2/22). I carrelli elevatori della categoria di apparecchi 2G/D e 3G/D vengono adattati esattamente alle rispettive condizioni di esercizio che si evincono dalla documentazione antiesplosione del cliente.

Carrelli elevatori elettrici con protezione antiesplosione
Carrelli elevatori antideflagranti a marchio Linde

Misure di protezione antiesplosione

I carrelli elevatori Linde sviluppati in modo speciale per i requisiti nelle aree a pericolo di esplosione coniugano i vantaggi comprovati dei carrelli elevatori di serie con ampie misure antiesplosione in conformità con le direttive sui prodotti ATEX.

Mezzi di esercizio elettrici, come ad esempio motori, comandi, sensori, interruttori o display, sono protetti da diversi tipi di protezione antiscintilla. Linde utilizza incapsulamento resistente alla pressione, maggiore sicurezza, sicurezza intrinseca, incapsulamento con materiale colato, dispositivi a tenuta, dispositivi antiscintilla e un alloggiamento a prova di esalazioni.

I mezzi di esercizio meccanici sono protetti da misure costruttive. Nei denti delle forche e nei freni si evita la formazione di scintille meccaniche. Componenti in materiale plastico, come ad esempio tappetini, gomme, serbatoi e rivestimenti dei sedili, sono protetti dalla pericolosa carica elettrostatica.

Un monitoraggio elettronico della temperatura garantisce che in condizioni di utilizzo estreme non si sviluppino temperature elevate non ammissibili.

Progettati secondo gruppi di esplosione e classi di temperatura

Nella costruzione di carrelli elevatori antiesplosione gli ingegneri Linde applicano tecnologie che sono sviluppate rispettivamente per gruppi di esplosione e classi di temperatura definite. A seconda delle potenzialità di esplosione di una sostanza, questa viene assegnata a un gruppo specifico. Sostanze in gruppi di esplosione superiori, come l'idrogeno, richiedono misure di protezione più complesse sui carrelli elevatori. Queste sostanze vengono inoltre suddivise secondo i valori della temperatura a partire da cui diventano esplosive come gas o nebbia. I rispettivi componenti dei carrelli elevatori vengono sviluppati in modo corrispondente.

Tecnologia innovativa nella versione antideflagrante

Grazie alla stretta collaborazione delle aree di sviluppo di Linde Serie e Protezione antiesplosione, sistemi di assistenza innovativi, proprietà di sicurezza e varianti di dotazioni speciali sono disponibili in breve tempo anche per l'utilizzo in atmosfera potenzialmente esplosiva. La scelta di accessori speciali opzionali spazia dal sistema di gestione flotta Linde connect passando per il Linde BlueSpot fino al nuovo proiettore da lavoro Linde VertiLight. In tal modo, le flotte con carrelli elevatori standard e antideflagranti possono essere dotate dello stesso livello di comfort e sicurezza.

Adattamento perfetto

Video sulla movimentazione manuale dei fusti

Movimentazione manuale dei fusti

Stoccatore con movimentazione manuale dei fusti per le zone 1 e 21

Video sulla movimentazione dei fusti con comando a distanza

Movimentazione dei fusti con comando a distanza

Stoccatore con movimentazione dei fusti con comando a distanza per le zone 1 e 21

Assistenza

Anche per applicazioni in atmosfera pericolosa a rischio di esplosione il cliente può fare affidamento sulla nostra fitta rete di assistenza. I nostri tecnici dell'assistenza competenti sulle disposizioni antiesplosione internazionali garantiscono che il carrello elevatore antideflagrante resti disponibile e superi senza difficoltà i controlli previsti regolarmente per legge. In modo analogo alla fornitura pezzi di ricambio con componenti di serie, i partner dell'assistenza Linde possono disporre in tutto il mondo anche di pezzi di ricambio per carrelli elevatori antideflagranti tramite un servizio 24 ore su 24 e 7 giorni su 7. Tali pezzi di ricambio continuano a essere disponibili anche dopo la chiusura della serie.

Live Chat
Vorremmo consigliarti personalmente tramite la nostra Live Chat. Per questo abbiamo bisogno del suo consenso per i nostri cookie di chat.